Superga, Sneaker donna, Multicolore Moresco, 6 UK

B00G95Q6BC

Superga, Sneaker donna, Multicolore (Moresco), 6 UK

Superga, Sneaker donna, Multicolore (Moresco), 6 UK
Superga, Sneaker donna, Multicolore (Moresco), 6 UK

Raffica di segnalazioni nell’area di via Ragusa: il fenomeno dilaga al Piano

Pubblicato il 23 luglio 2017 
Ultimo aggiornamento: 23 luglio 2017 ore 09:44

Ancona, prostitute e sesso nel parco sotto gli occhi dei residenti

3 min

Ancona, 23 luglio 2017 - Fanno  sesso  a pagamento nel piccolo parco dedicato ai cani, choc al  Piano . Sono arrivate  proteste formali  da parte di alcuni  residenti di via Ragusa , una via parallela di via Giordano Bruno, dove alcuni giorni fa sono state notate coppie impegnate in rapporti espliciti. Sta ormai esplodendo il fenomeno della  prostituzione nella zona del Piano , specie tra via De Gasperi e corso Carlo Alberto.

Il  Carlino  lo aveva già anticipato, adesso le cose sono andate avanti, vista  l’impotenza di forze dell’ordine e amministratori comunali  che non riescono a far fronte al problema. Ad esercitare sono soprattutto giovani e giovanissime africane, in particolare di nazionalità nigeriana, giunte nel capoluogo con la promessa di una vita migliore e di un lavoro onesto e invece buttate in strada da organizzazioni senza scrupoli. La vendita di sesso a pagamento si svolge  soprattutto di sera, dopo le 21  quanto meno, ma proprio il  Carlino  di recente aveva mostrato giovani ragazze di colore posizionate nella parte di corso Carlo Alberto, angolo via Pergolesi, in attesa di clienti, anche nelle ore diurne.

L’area in questione, dove si sono verificati gli ultimi episodi, è la  porzione del parco della Pace, quello che si estende anche su via Urbino , chiuso dal Comune alcuni mesi fa per evitare che diventasse l’epicentro dello spaccio di droga. Una parte dell’area verde, tuttavia, quella in basso, il cui ingresso è appunto su via Ragusa, non è mai stata chiusa e lasciata accessibile per i proprietari dei cani. Lo spazio pubblico è ‘protetto’ dalla vegetazione e da alberi a grosso fusto, ma lungo la strada ci sono palazzi dove risiedono moltissime famiglie. Alcune di queste persone si sono accorte degli strani giri e si sono rivolti agli inquirenti. Il problema è noto, ma ancora non è stato debellato.

Durante il resto dell’anno, eccetto la stagione estiva, il giro viene gestito  all’interno di un locale della zona del Piano, noto alle forze dell’ordine. Qui si radunerebbero le ragazze e qui verrebbero contattate dai clienti con un carosello di autovetture impegnate ad andare avanti e indietro per caricare a bordo le ragazze. I rapporti vengono consumati o in macchina oppure nel parco segnalato, ma anche all’interno di alcuni appartamenti della zona del Piano, attigui a corso Carlo Alberto.

UNA SCUOLA AL PASSO CON L’EUROPA

  • SPORT
  • Calcio
  • La visione di una scuola connessa in rete è condivisa in molti Paesi europei, e in diversi casi le locali reti nazionali della ricerca e dell’istruzione già interconnettono le scuole alle loro dorsali. In alcuni casi, oltre a connettività, le reti della ricerca offrono alle scuole anche servizi applicativi, quali la videoconferenza, strumenti per l’e-learning e l’e-collaboration, l’accesso a biblioteche digitali e a contenuti online. L’esempio più notevole a livello europeo è rappresentato dal Regno Unito, con ben 25.000 scuole collegate. Altri esempi importanti sono la Grecia che, grazie a un progetto cofinanziato da fondi europei per lo sviluppo regionale, dal 2004 collega tutte le scuole e l’Irlanda, il cui primo progetto di broadband per la scuola risale al 2005 e che è oggi impegnata in un importante aggiornamento dell’infrastruttura.

    LE SCUOLE IN RETE

    Negli ultimi anni, è cresciuto l’impegno del GARR, la rete nazionale a banda ultralarga dedicata al mondo dell’istruzione e della ricerca, per offrire connettività ad alte prestazioni anche alle scuole. Ad oggi sono connessi centinaia di istituti e migliaia di studenti e docenti possono ogni giorno sfruttare questa autostrada telematica per giocare un ruolo attivo nella rete creando contenuti e collaborando con le stesse possibilità offerte ai ricercatori di tutto il mondo. Le scuole sono connesse in diverse modalità, applicando gli stessi principi validi per tutti gli enti GARR, vale a dire utilizzo, laddove possibile, della fibra e banda minima di 100Mbps simmetrici per ciascuna sede. In alcuni casi l’accesso delle scuole avviene in sinergia con le reti regionali, metropolitane o di campus già presenti sul territorio in collaborazione con enti locali e università.

    GARR-X PROGRESS: UN’ESPERIENZA DI SUCCESSO

    Al Sud, dove spesso è più forte il digital divide, un’opportunità è stata data dal progetto GARR-X Progress, finanziato dal MIUR nell’ambito del piano di Azione e Coesione e terminato nel 2016, che ha offerto la possibilità agli istituti di istruzione superiore, situati nelle città delle Regioni della Convergenza dove è presente un nodo GARR, di collegarsi alla rete in fibra ottica. Si è trattato di una grande occasione per le scuole e di un investimento fondamentale per favorire i processi di innovazione digitale nella didattica.

    IL GRUPPO
    ALTRI SITI DEL GRUPPO
    LEGALE E PRIVACY
    DOCUMENTAZIONE E SERVIZI
    SEGUICI SU
    Sprichwörter
    Vogstyle Donna Nuove Scarpe In Pelle SlipOn Fatto A Mano Della Primavera/Estate/Autunno Bianco
    LINK UTILI
    TUTTI I CONTATTI
    BLOCCO CARTE